L’ictus è la terza causa di morte e disabilità a lungo termine tra gli americani. La prospettiva di subire un ictus è spaventosa. Raramente c’è un preavviso e il livello di gravità e le complicazioni durature sono imprevedibili da un caso all’altro. In gran parte, l’impatto lasciato alle spalle dipende dal particolare tipo di ictus subito. Il tipo più comune di ictus è quello ischemico, che deriva da un vaso sanguigno bloccato e spesso causa danni permanenti. Tuttavia, quello che molti chiamano un “mini ictus” ha molto della stessa presentazione di un ictus ischemico ma senza le conseguenze a lungo termine.

Che cos’è un mini ictus?

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è comunemente chiamato mini ictus. Quando questo si verifica, il vaso sanguigno è bloccato da un coagulo di sangue solo brevemente. Durante l’attacco, chi ne soffre spesso sperimenta gli stessi sintomi di un ictus regolare. Questi possono includere intorpidimento, debolezza e difficoltà di parola e di visione. Proprio come nel caso di qualsiasi ictus, i pazienti sono invitati a ricordare l’acronimo FAST:

  • F: Viso cadente
  • A: Debolezza del braccio
  • S: Difficoltà di parola
  • T: Tempo di chiamare il 9-1-1

Cosa rende diverso un mini ictus?

Mentre i sintomi possono essere in gran parte gli stessi, ci sono alcune differenze chiave tra un mini ictus e un ictus regolare. Poiché il blocco durante un mini ictus è temporaneo, i sintomi sono brevi, di solito durano solo pochi minuti. In alcuni casi, possono persistere fino a 24 ore.

A differenza di un ictus regolare, i TIA non provocano danni cerebrali o disabilità permanente. Tuttavia, è impossibile sapere quale forma di ictus può verificarsi nel momento in cui compaiono i sintomi. Per questo motivo, è imperativo che i pazienti non tentino di aspettare i sintomi, ma cerchino invece un trattamento medico di emergenza il prima possibile. Inoltre, coloro che sperimentano un TIA sono ad alto rischio di subire un successivo ictus, una situazione che si verifica in 1 su 3 pazienti con mini ictus. Questo rischio è particolarmente alto nelle prime 48 ore, rendendo cruciali le cure mediche e il monitoraggio.

Se voi o una persona cara avvertite uno dei sintomi caratteristici associati a un ictus o a un mini ictus, chiamate il 9-1-1 o andate al pronto soccorso più vicino. Indipendentemente dal tipo di ictus, l’intervento precoce è la chiave per proteggere la salute a lungo termine, e in alcuni casi può essere salvavita.

Mini ictus diverso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.