Prima di tutto, considera per quale tipo di arrampicata userai i pantaloni. Dovrebbero essere iper-specifici per la disciplina. I pantaloni da boulder indoor non funzionano su El Cap, e i tuoi pantaloni da falesia preferiti non sono un bueno per le missioni alpine. “I pantaloni possono fare bene solo due cose: Possono essere comodi e avere un bell’aspetto, ma poi non respingeranno l’acqua”, dice Paul Rachele, una guida alpina per Jackson Hole Mountain Guides. “O se sono antivento e si muovono bene, non hanno un bell’aspetto. La maggior parte dei pantaloni che possiedo sono buoni per due applicazioni – roccia o montagna, montagna o ghiaccio – ma raramente per tre”. Di seguito sono riportate alcune specifiche per trovare i migliori pantaloni da indossare per ogni tipo di arrampicata.

Indoor e Bouldering: Sia Jon Glassberg che Ethan Pringle indossano esclusivamente pantaloncini in palestra, e quando fa caldo, indossano pantaloncini per arrampicare anche fuori. Glassberg dice: “Se devo indossare i pantaloni, lo farò, ma solo dopo che i pantaloncini non possono essere indossati”. Rachele sceglie pantaloni di cotone dai colori vivaci che sono flessibili per i movimenti ginnici, mentre Miranda Oakley, una guida in Yosemite, preferisce i collant elasticizzati o i pantaloni da yoga.

Crag: Poiché una giornata di arrampicata su roccia a passo singolo è meno impegnativa di una via di tutto il giorno, la scelta dei pantaloni può essere casual o tecnica come si vuole. Non hai bisogno di un sacco di campanelli e fischietti extra (leggi: porta spazzole e tasche con cerniera) dal momento che stai tornando a terra, il tuo zaino e tutte le tue cose dopo ogni tiro. A Rachele piace il materiale sintetico, mentre Pringle preferisce i jeans o altro cotone resistente. “Preferisco avere qualcosa di comodo ed elegante in cui posso arrampicare e poi andare in birreria dopo”, dice Pringle. “

Una cosa da considerare con i pantaloni che andranno sotto l’imbracatura è assicurarsi che la vita sia abbastanza alta in modo che la cintura dell’imbracatura non tagli in modo imbarazzante lo stomaco. Nikki Smith e Pringle, ognuno con le proprie gambe lunghe, raccomandano anche un cavallo più lungo in modo che l’imbracatura non tiri i pantaloni sopra la caviglia.

Alpine/Big Wall: Questi dovrebbero essere i pantaloni più tecnici che possiedi, più caldi e più resistenti alle intemperie rispetto ai pantaloni da roccia, con la giusta combinazione e posizione di tasche e cerniere. “Per le missioni alpine o per scalare El Capitan, non mi preoccupo affatto del mio aspetto”, dice Oakley. “Vado per materiale resistente e sintetico perché non posso indossare il cotone per le grandi missioni in montagna. Se fa freddo, strato calzamaglia sintetica o biancheria lunga sotto”. Smith è d’accordo che qualsiasi cosa sintetica e ad asciugatura rapida è la strada da percorrere per gli obiettivi alpini.

Rachele dice: “C’è una quantità significativa di sedere nell’alpinismo moderno, quindi il tessuto rinforzato sul retro è importante”. Una tendenza che ha visto in Europa è quella di camminare fino alla base di una salita in biancheria intima, per poi tirare su i pantaloni alpini prima della salita, ma lo stile delle guide americane è più modesto. “La maggior parte delle guide che conosco preferiscono i pantaloncini da tavola alla biancheria intima per l’avvicinamento, dato che si ottengono tasche per gli elementi essenziali come il balsamo per le labbra e lo smartphone”, dice. “Alla salita si mettono i pantaloni sopra i pantaloncini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.