Coco Chanel, 1928

Gabrielle Bonheur “Coco” Chanel (19 agosto 1883 – 10 gennaio 1971) fu una stilista francese. Coco andò con le suore e non fu mai adottata, così lasciò l’orfanotrofio a 18 anni per lavorare in una sartoria locale. Le suore insegnarono a Coco tutto ciò che sapeva su come cucire e fare vestiti. Fu una delle fondatrici della Casa di Chanel. È stata l’unica stilista ad essere nominata tra le 100 persone più influenti del 20° secolo da TIME Magazine. Si è liberata dalle convenzioni ed è diventata un modello per alcuni. Il suo comportamento durante l’occupazione tedesca della Francia nella seconda guerra mondiale portò a delle critiche.

Biografia

Il famoso profumo commercializzato da Coco Chanel

Chanel è nata nel 1883 a Saumur, Francia. In gioventù, era una sarta e una cantante di nightclub. Il suo nome d’arte era Coco, e usò questo nome pubblicamente.

Nel 1910, aprì un negozio di cappelli. Nel 1919, aprì una casa di moda a Parigi, e introdusse il suo profumo, Chanel No. 5, nel 1921. Si ritirò nel 1939, ma tornò alla moda con grande successo nel 1954.

È famosa per il tubino nero, Chanel No. 5, il profumo femminile più famoso al mondo, e per il tailleur con gonna al ginocchio e giacca a scatola indossato con collana di perle.

Primi negozi

Sede di Chanel a Parigi

Nel 1913, Chanel apre il suo primo negozio a Deauville, Francia. Le donne della società apprezzavano il suo semplice guardaroba. Nel 1915, aprì un secondo negozio a Biarritz.

Chanel divenne una delle prime donne stiliste a creare abiti semplici e pratici per le donne sportive dell’epoca. Prese il colore nero, che non era usato nella moda dell’epoca e mostrò che poteva essere “chic” indossandolo. Il materiale jersey era solitamente usato per fare biancheria intima maschile, ma Chanel iniziò a lavorarci per creare moda femminile. Capelli corti, abbronzatura e stili casual erano le nuove tendenze. Bandì i corsetti e altri indumenti scomodi.

Vita personale

Hugh Grosvenor, 2° Duca di Westminster con Coco Chanel

Chanel fu l’amante di diversi uomini ricchi. Durante la sua relazione con il Granduca Dmitri Pavlovich di Russia nel 1920, aggiunse un tocco russo ai suoi abiti ricamandovi motivi russi.

Chanel fu con Hugh Grosvenor, il 2° Duca di Westminster dal 1924 al 1931. Durante questo periodo, scoprì il maglione di tweed inglese, i completi da uomo inglesi e i cappotti inglesi. Li aggiunse alle sue collezioni.

Tempo di guerra

Chanel visse all’Hotel Ritz di Parigi per oltre trent’anni. Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti occuparono Parigi e i suoi negozi furono chiusi. Ebbe una relazione con un ufficiale nazista e fu accusata di essere una collaboratrice. Si trasferì in Svizzera e abbandonò la moda.

Dopo una pausa di 15 anni, Chanel tornò alla moda nel 1954. Rimase scioccata nel vedere le nuove tendenze della moda, specialmente quelle di Christian Dior. Capì meglio di chiunque altro le esigenze e i bisogni dello stile di vita di una donna attiva. La sua collezione di ritorno fu nel 1954.

Media

La sua vita fu rappresentata nel musical Coco a Broadway nel 1969. I film basati sulla sua vita includono: Chanel Solitaire (1981), Coco Chanel (2008), Coco prima di Coco (2009), e Coco Chanel & Igor Stravinsky (2009).

Oggi

Chanel è morta nel 1971. Sta ancora influenzando lo stile di vita e l’abbigliamento delle donne. La casa di Chanel rimane in attività. È membro della Chambre syndicale de la haute couture, la cricca della moda più importante di Parigi. La Maison Chanel produce versioni moderne delle sue migliori idee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.