127 condivisioni

felice cucciolo rosso che una volta era un cucciolo randagio

felice cucciolo rosso che una volta era un cucciolo randagio

È iniziato con una telefonata dei nostri nuovi vicini: “Abbiamo trovato un cucciolo randagio, anzi due cuccioli randagi, che correvano lungo la strada mentre tornavamo a casa dal lavoro. Cosa facciamo?”

I cuccioli erano in cattive condizioni. Magri e ossuti. Coperti di pulci e zecche. E avevano problemi di pelle squamosa e crostosa.

Nel nostro quartiere, i proprietari di cani sanno che possono chiamarmi quando hanno bisogno di consigli. Pur essendo un veterinario integrativo e fondatore di ToeGrips, sono altrettanto felice di essere “il veterinario della porta accanto”. Ho dato ai nuovi vicini diversi suggerimenti per buoni salvataggi insieme al nostro controllo locale degli animali, come ultima opzione. Era importante dare ai cuccioli randagi le cure di cui avevano bisogno e una buona casa a lungo termine.

Per fortuna, i nuovi vicini non hanno avuto bisogno di trovare un rifugio. Avevano amici che si sono subito offerti di prendere i cuccioli randagi. Un’adozione privata era in corso. I cuccioli avrebbero iniziato una nuova vita con una nuova famiglia in Tennessee!

Almeno questo era il piano.

A volte il cambiamento è una finestra di opportunità…

Una mattina, guardando fuori dalla finestra, ho visto dei cuccioli nel mio cortile. Sembravano sorprendentemente simili ai cuccioli randagi che stavano andando nella loro nuova casa. I miei figli e i cani si rotolavano felicemente nel nostro cortile.

Ho chiamato i nuovi vicini e ho saputo che l’adozione era fallita. Il controllo degli animali avrebbe presto ritirato i cuccioli randagi. Ma, proprio come la vita ha colpi di scena, così è stato il viaggio per questi due cani. Grazie ad una conversazione casuale che il nuovo vicino ha avuto con un collega che stava cercando di adottare, i due cuccioli rossi avrebbero avuto di nuovo una casa!

Ora, attenzione, per tutto questo tempo questi adorabili cuccioli randagi erano nel mio cortile. Avevo fatto un buon lavoro nel prendere le distanze emotivamente, dato che sapevo che erano già stati adottati. Per non parlare del fatto che ho otto figli e due cani. La nostra casa era piena.

Ma questo porta alla domanda: le nostre case o i nostri cuori sono mai veramente pieni? Per quelli di noi che hanno avuto un cane e poi due, o due cani e poi tre, non c’è bisogno che vi dica che c’è sempre spazio per un altro. E l’altra cosa che non ho bisogno di dirvi è che non è mai il momento giusto. Proprio come non c’è mai il momento giusto per avere un bambino, non c’è mai il momento giusto per adottare un nuovo cane. Devi solo buttarti con entrambi i piedi.

Una casa temporanea nel mio cortile…

Il nostro vicino ha detto che la futura proprietaria stava andando a prendere i cani, ma ha chiesto se i due piccoli scodinzolanti potevano stare nel nostro cortile per un’altra ora circa fino all’arrivo del loro nuovo proprietario. Ero felice di farlo. I miei figli erano davvero felici di farlo.

I due randagi, un cane maschio e una femmina, sembravano essere Redbone Coonhounds. Per quelli di voi che hanno familiarità con il libro Dove cresce la felce rossa (una delle mie letture preferite quando stavo crescendo), sembravano la piccola Ann e il vecchio Dan.

Sentendomi un po’ innamorata dei due cuccioli, ho richiamato i ricordi d’infanzia di aver letto quel libro 78 volte. (Per inciso, se non avete mai letto il libro, è un must per gli amanti dei cani. Gli darei un voto di cinque su cinque per la scatola dei fazzoletti. Ecco il vostro giusto avvertimento). Mentre osservavo i cuccioli randagi (che avevano circa cinque mesi in base ai loro denti da cucciolo), ho osservato le loro personalità:

La ragazza era vivace e si cacciava nei guai. Si allontanava e i miei figli la seguivano per riportarla all’ovile. Lei era l’esploratrice.

Il ragazzo era un amore. Voleva coccolare ed essere portato in giro dai miei figli.

Mia figlia maggiore stava osservando i due cuccioli randagi e disse,

Mamma, questo piccolo ragazzo ha un temperamento fenomenale. È così dolce. Penso davvero che dovremmo pensare di tenere questo cane”

Aspettate! Avrei dovuto fare da babysitter a questi cani per 60 minuti fino a quando la loro futura mamma sarebbe venuta a prenderli! A questo punto, ero ancora in piedi sul portico, così sono scesa in cortile e ho incontrato i due cuccioli. Ho tenuto i cuccioli guizzanti e li ho amati. Ero d’accordo con mia figlia. Questo ragazzo era speciale.

Abbiamo giocato ancora un po’, poi mio marito è uscito in veranda e ho detto…

“Tesoro, possiamo prendere un altro cane?”

Ho richiamato la nuova vicina e le ho spiegato la situazione. Ci eravamo innamorati del cane maschio. Come si sarebbero sentiti i futuri proprietari ad adottare un cane? Anche se la nostra nuova vicina sapeva che i futuri proprietari avevano intenzione di adottarli entrambi, abbiamo deciso che avrei dovuto semplicemente chiamarli.

“So che questo è strano, e non voglio che vi sentiate messi alle strette. Ovviamente, qualsiasi cosa tu ritenga sia meglio va bene. Ma i miei figli si sono innamorati di uno dei cani. Mi sto chiedendo come si sentirebbe ad adottarne uno solo?”

E lei ha detto: “Oh, tesoro”. (Attenzione, io vivo nel sud) “Oh, tesoro, sarebbe perfetto. Volevamo solo un cane comunque.”

Quindi, penso che stesse facendo la buona samaritana quando aveva pianificato di prendere entrambi i cuccioli! E poi ha detto,

“Ma il fatto è questo. La mia famiglia aveva davvero messo il cuore sul cane femmina”

Penso di averle urlato nell’orecchio mentre dicevo, “Noi avevamo messo il cuore sul cane maschio. Questo è perfetto.”

E non so cosa mi sia successo, ma ho chiesto a questa signora…

“Credi in Dio?”

E lei ha detto, “Certo che sì.”

E io ho detto, “Bene, anch’io. E penso che questo non sia altro che un miracolo.”

La strada verso la buona salute: Cosa aspettarsi quando si porta un nuovo cucciolo dal veterinario

Prima di portare il nostro nuovo cucciolo (che presto si chiamerà Jake) nella nostra casa, l’ho portato all’ospedale veterinario dove esercito e gli ho fatto un bel bagno caldo. Gli ho tolto tutte le zecche e le pulci. Era importante iniziarlo sulla strada della buona salute. Se stai adottando un cucciolo, una visita dal veterinario è fondamentale. Ecco cosa ci si può aspettare:

1. Controllo di un campione di feci e sverminazione

È molto comune che i cuccioli abbiano i vermi. I cuccioli possono prendere i vermi o altri parassiti nell’utero o dal latte della madre. E’ importante sapere che alcuni tipi di parassiti interni nei cani, in particolare gli ascaridi e gli anchilostomi, sono trasmissibili all’uomo attraverso le feci del cucciolo. A volte i parassiti possono essere trasmessi all’uomo anche camminando a piedi nudi sul terreno dove sono state trovate le feci (che potrebbero contenere larve di anchilostoma).

Quando portate un nuovo cucciolo a casa vostra, di solito il vostro veterinario farà una serie di sverminazioni. È straordinariamente sicuro, poco costoso e una buona polizza di assicurazione. Se state adottando un cane e i precedenti proprietari dicono che “è stato sverminato una volta”, non è sufficiente. Per i miei pazienti, controllo un campione di feci. Tuttavia, anche se è negativo, la mia politica è quella di fare una sverminazione profilattica di routine, soprattutto perché i parassiti interni sono zoonotici, cioè possono essere trasmessi dagli animali alle persone.

Iniziare un trattamento preventivo contro la sverminazione

Siccome il nostro nuovo cucciolo aveva circa cinque mesi, ho iniziato subito un trattamento preventivo contro la sverminazione. Teoricamente, non poteva avere nessun verme adulto nel suo corpo. (Ci vogliono circa sei mesi per completare il ciclo di vita per far crescere i vermi adulti dalle microfilarie nel sangue). Quindi non ho avuto bisogno di testarlo. La maggior parte dei prodotti mensili per la prevenzione dei vermi cardiaci non solo proteggono dalla malattia del verme cardiaco, che è così importante, ma proteggono anche dalla maggior parte dei parassiti interni. Una prevenzione mensile contro la sverminazione è fondamentale. Per ulteriori informazioni sulla malattia della tarma cardiaca, si prega di controllare 10 Heartbreaking Heartworm Myths and the Truth Dog Owners Need to Know.

Iniziare un regime di farmaci per pulci e zecche per via orale

Per quanto riguarda tutte le pulci che aveva Jake, gli ho dato un prodotto chiamato Capstar, che è un’uccisione rapida per le pulci. Le uccide entro 30 minuti. Tuttavia, non dura a lungo. Così ho seguito con un altro farmaco orale per pulci e zecche chiamato NexGard. È il mio farmaco preferito per pulci e zecche perché funziona così bene. Poiché i miei figli sono sempre abbracciati, dormono con i cani e li coccolano, preferisco i farmaci per via orale ai prodotti spot-on che vengono applicati al cane. Non voglio che la faccia dei miei figli sia immersa in quei prodotti chimici, figuriamoci sui cani. Con i farmaci orali per pulci e zecche, c’è la possibilità di sconvolgere lo stomaco del cane. Ma penso che gli effetti collaterali gravi siano abbastanza rari.

Dare al tuo nuovo cucciolo il tempo di adattarsi

Certamente, c’è stress nella transizione. Il cambiamento è difficile per tutti noi. Prima di mettere altre cose nel sistema di Jake per renderlo un piccolo cucciolo sano, ho lasciato che alcune cose si liberassero dal suo sistema. Inoltre, ci sono voluti diversi mesi perché la sua malattia della pelle guarisse completamente e perché guadagnasse muscoli al posto dell’aspetto scheletrico ossuto che aveva. È stato un onore e un privilegio per noi dargli una casa. Ora ha una vita così felice con sei ragazzi che amano portarlo nei boschi ad esplorare.

faccia dolce di jake il segugio dai capelli rossi che una volta era un cucciolo randagio

faccia dolce di jake il segugio dai capelli rossi che una volta era un cucciolo randagio

Hai trovato un cucciolo randagio? Ecco 3 consigli per portare un cane in casa tua

Prenditi del tempo per la quarantena: Non esporre il cucciolo randagio agli altri cani della tua famiglia finché non sei sicuro che sia sano

Prima di portare un nuovo cane in casa, mettilo in quarantena. Non ho esposto Jake ai miei altri cani finché non sono andata dal veterinario. Gli ho fatto un esame fisico completo, gli ho fatto le analisi del sangue di base, ho preso un campione di feci, l’ho sverminato e ho trattato le pulci e le zecche. Anche allora, quando abbiamo portato Jake a casa nostra, lo abbiamo tenuto in quarantena dagli altri cani per alcuni giorni. Era importante sapere che non era portatore di alcuna malattia. Se state portando un nuovo cane in casa vostra, mettetelo in quarantena e assicuratevi che sia completamente sano prima di introdurre altri cani.

Visitate il vostro veterinario: Iniziare subito una buona cura preventiva

Porta il cane dal tuo veterinario e inizia una buona cura preventiva. Far partire il tuo nuovo cane con il piede giusto migliorerà la sua salute generale e la sua qualità di vita. (Per altri consigli su come sfruttare al meglio le visite veterinarie, controlla il mio podcast, Fear Free: Easier Vet Visits, Happier, Healthier Pets con la dottoressa Katie Berlin, e il mio post sul blog, 6 Secrets For Happier Vet Visits.)

3. Scansione di un microchip: Assicuratevi che il cucciolo randagio non abbia già una casa

Infine, voglio menzionare la microchippatura. Nell’ufficio dove esercito, abbiamo uno scanner universale per microchip. Abbiamo scansionato Jake accuratamente per assicurarci che non ci fosse traccia di un chip. Non indossava nessuna targhetta, non aveva tatuaggi, ed era in condizioni così orribili (così come sua sorella), che pensiamo che i due cuccioli siano stati sulla strada per un bel po’ di tempo.

Se trovate un cane, per favore fategli fare una scansione per il microchip. Assicuratevi di non adottare un cane che ha già un’altra casa. Sarebbe una tragedia.

BONUS: Crate Sweet Crate

Sono un grande fan dell’addestramento dei cani in cassa. La nostra famiglia ha addestrato tutti i nostri cani che abbiamo salvato. Hanno avuto zero socializzazione e zero cure. Eppure, con un po’ di TLC, dolcetti e buon senso, hanno addestrato la cassa nel corso di giorni o settimane. Perché sono un grande sostenitore dell’addestramento alla gabbia?

Se un cane deve essere ricoverato in ospedale, lui o lei sarà in una gabbia, possibilmente attaccato a fluidi IV. È fondamentale che la cassa sia un luogo rilassante e familiare per il cane. Un cane addestrato alla gabbia ha uno stress in meno in ospedale.

Fine felice…

Infine, questa storia, che ho anche condiviso su The Buzby Dog Podcast, è dedicata alla mia figlia maggiore che mi ha detto…

Mamma, mi piace che tu faccia podcast perché quando sarai morta, potrò ascoltarti parlare per ore. Ma le tue storie riguardano spesso le malattie degli animali. Puoi parlare di qualcosa di più felice?”

E così questa è davvero una storia a lieto fine specialmente per lei.

Per ascoltare il mio podcast, tocca il pulsante verde play qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.